Magazine

Seleziona Anno: Tutti 201720162015 << Back

Intervista a Andrea Cabiati-TechStyle

Andrea Cabiati, cofounder di Tech Style. Voi realizzate siti Internet, app, ma non solo, quali sono le caratteristiche della vostra agenzia?

In effetti quando insieme con il mio socio, Paolo Gios, abbiamo deciso di fondare Tech Style, fin dal primo progetto abbiamo scelto di differenziarci da molte web agency e abbiamo sviluppato un CMS proprietario con cui oggi realizziamo numerosi progetti per i nostri Clienti. La scelta di non andare sull’open source ci ha premiato nel tempo, perché oggi siamo in grado di soddisfare numerose richieste ed esigenze che prevedono sistemi web che vanno oltre al sito internet. Abbiamo potuto attuare questa soluzione grazie alla forte esperienza tecnica che ci caratterizza.

Nella comunicazione via web e di conseguenza nei social la semplicità e l’immediatezza sono punti di forza, come si fa a tradurre e trasmettere il messaggio del cliente sempre in modo efficace?

Penso che il focus debba essere sempre sull’obiettivo che il Cliente ha in mente di raggiungere; occorre trovare i punti di forza dell’azienda, del negozio o del professionista e cercare di evidenziarli in maniera diretta con poche parole. La comunicazione web è veloce e gli utenti non hanno tempo o forse poca voglia di leggere, quindi meglio essere mirati. Quindi immagini, prima di tutto e poi “Headline”, “Claim”, “Pay off” per sviluppare la “Concept Idea” iniziale. Tutto questo viene poi ripetuto nei social, con il linguaggio tipico di questi mezzi. Aggiornamento continuo e cura dei post sono fondamentali per il successo.
 

L’e-commerce è sicuramente uno dei vostri greatest strength, ma tutte le attività secondo voi potrebbero affrontare il commercio online oppure serve in background importante alle spalle?

Diciamo sempre al Cliente che aprire un negozio online è come aprirne uno su strada, per impegno e risorse da dedicare. E’ a tutti gli effetti un’altra azienda da seguire. Il Cliente deve conoscere bene il prodotto che va a vendere online, e questo dovrebbe essere implicito, e dovrebbe affidarsi alla comunicazione per poterlo presentare al meglio, per essere performanti come piattaforma e per delineare tutte le dinamiche online e offline.

Come webagency vi confrontate ogni giorno sul mercato da una parte contro dei colossi industriali e internazionali, che puntano sui numeri, con prezzi bassi, ma prodotti probabilmente senza anima, oppure, con il classico “amico del titolare” o il “cugino che smanetta sui computer e ogni tanto fa qualche sito”. Perché un cliente si dovrebbe rivolgere a voi, ovvero a degli artigiani del web, se ci passate un termine molto caro alla vostra terra, la Brianza?

Sarebbe troppo banale dire che puntiamo sulla qualità rispetto alla quantità, ma possiamo affermare che a differenza di quelle grandi realtà con prodotti industriali, noi “abbiamo sempre tempo per il nostro Cliente”. E’ anche la frase che abbiamo messo in copertina della brochure, perché oggi, come sempre, è importante supportare il Cliente in ogni fase del progetto, dal brief iniziale, alla consegna e alle attività che seguono per poter dare vita al prodotto web. Come detto, poi, avere un CMS proprietario ci consente di muoverci in modo molto più agile ed efficace per rispondere a qualsiasi esigenza.

Sito, app, indicizzazione sui motori di ricerca, ovvero Seo, Social network, newsletter, video, come si deve muovere oggi una buona comunicazione online, e su quali canali?

Tutti conoscono i canali di comunicazione, ma non bastano ottimi ingredienti per realizzare un piatto di successo. Si deve seguire una ricetta. Anche nella comunicazione non funziona mettere in campo le azioni tutte insieme e duplicare i messaggi. Si devono programmare i passaggi step by step, fissando obiettivi nel breve e nel medio termine. Pronti a intervenire per rinforzare questo o quel canale. I social, ad esempio, sono fondamentali anche nella comunicazione aziendale, ma vanno gestiti.

Come agenzia avete sviluppato anche vostri prodotti a servizio dei clienti, come Sym sistema e venti e TechOne digita retail system, ci può spiegare in breve le loro caratteristiche?

E’ vero, siamo anche sviluppatori, ovvero sappiamo veramente mettere le mani sul codice. Di recente abbiamo dato vita a due prodotti. Sym è una piattaforma partner per le segreterie organizzative (sul techstyle.it abbiamo pubblicato un video esplicativo) che offre dal sito vetrina dell’evento, alla registrazione per arrivare all’accredito. TechOne è un sistema di digital signage, che consente la gestione di contenuti a distanza tramite un pannello web; di recente abbiamo installato il sistema nel palazzo di Michelin Italia, dove da remoto gestiamo le playlist dei loro canali ufficiali YT.

Dall’immagine online all’allestimento di uno stand espositivo, come si fa a trasportare gli obiettivi di un cliente in una fiera, tra centinaia di competitors?

Siamo arrivati a seguire il Cliente anche in fiera perché offriamo un sistema di comunicazione digitale all’interno dello stand. Le APP per noi sono sempre state uno strumento utile per il Cliente per raccogliere i dati, presentare al meglio i prodotti, far giocare e intrattenere i visitatori allo stand… Con questi sistemi diventiamo l’interlocutore unico per l’azienda che deve andare in fiera. Per quanto riguarda gli allestimenti veri e propri abbiamo stretto una partnership con una realtà che fisicamente si occupa di allestire lo stand.

Un’ultima domanda. Perché un cliente dovrebbe scegliere voi e non un’altra webagency?

Perché siamo capaci di ascoltare. E’ vero, sappiamo sviluppare bene i progetti, riusciamo a supportare il Cliente in ogni sua esigenza, ma questo lo fanno in molti. Un partner per il mondo dell’online deve però anche cogliere in ogni progetto quella sfumatura, quel dettaglio, per evidenziare il valore aggiunto del Cliente. Penso che un grosso errore che molti fanno sia semplicemente “non ascoltare”. Prestando davvero attenzione alla persona che si ha davanti, senza essere preoccupati di dover vendere a tutti i costi, riusciamo a cogliere bene i dettagli del business che deve presentare l’azienda.